Le cose possono cambiare da un giorno all’altro, senza preavviso, senza la possibilità di prepararsi. Aver coscienza che tutto finirà nel giro di un anno. Niente più progetti a lungo termine, solo un giorno dietro l’altro. Il dolore fisico passa in secondo piano. Il dolore mentale, spirituale fanno ancor più male. Può uccidere. Il dolore paralizza e uccide. L’idea di non poter rivedere più le persone che ami, di non poter più parlar loro è la cosa più straziante da sopportare. Fa a brandelli il cuore e l’anima. Sono arrivato ad un punto che ho realizzato cosa mi sta succedendo, ma non riesco ancora ad accettarlo. A volte vorrei farla finita in un attimo, piuttosto che aspettare una lenta agonia.